banner n1 217x300 - Cosa scegliere tra motore GPL e MetanoNella scena dei combustibili per auto, si sono affermati altre due fonti di energia differenti dalla benzina e dal gasolio: il GPL e il Metano. Questi due combustibili permettono notevoli risparmi in termini di consumo. Nonostante in linea di massima i due impianti siano entrambi convenienti, ci sono alcune differenze che vanno esaminate per poter scegliere quale tipologia di vettura acquistare o quale tipo di impianto far installare sulla propria vettura.

GPL e Metano: differenze

Il GPL è un derivato del petrolio ed è composto da una miscela di idrocarburi (in prevalenza propano e butano. Il Metano invece è un gas volatile naturale presente in abbondanza in natura e dall’elevatissimo grado di efficienza, quando utilizzato all’interno di un motore.

Entrambe le tipologie di carburante sono in grado di far registrare emissioni decisamente inferiori rispetto alla benzina e ancor più rispetto al gasolio. Il metano è il carburante meno inquinante in assoluto mentre, il GPL, inquina un po’ di più (comunque decisamente meno delle vetture a benzina)

La differenza, come accennato poco fa, sta nell’efficienza del metano, che permette di percorrere un elevato chilometraggio prima di esaurire l’autonomia. Questo carburante, infatti, si misura in chilogrammi e non in litri e un chilogrammo di metano permette di effettuare all’incirca lo stesso chilometraggio di poco più di un litro e mezzo di benzina. Se a questo si aggiunge il costo decisamente più contenuto del metano rispetto alla benzina, si ottiene un vantaggio decisamente elevato.

Il GPL, invece, costa molto meno della benzina e anche meno del metano ma, di contro, ha un’efficienza decisamente inferiore a quest’ultimo (si percorrono dunque meno chilometri con un litro).

Impianti a GPL e Metano: vantaggi, svantaggi e manutenzione

Nel caso si abbia una vettura con motore esclusivamente a benzina, sarà interessante sapere di poter montare (quasi sempre indifferentemente) o un impianto a GPL o un impianto a metano sulla propria vettura, così da trasformarla in bi-fuel.

Installare un impianto a GPL in una vettura ha costi che vanno da un minimo di 500-600 Euro fino a poco oltre i 1000 Euro. Le bombole che vengono installate richiedono delle revisioni periodiche e alcune sue componenti come le bombole, vengono sostituite ogni 10 anni.

L’installazione di un più raffinato impianto a metano, invece, parte da circa 1000 Euro e sale anche oltre i 1500. La revisione dell’impianto va effettuata in media ogni 4/5 anni, termine entro il quale vanno sostituite le bombole di stoccaggio del gas.

Conti alla mano, nonostante il GPL abbia un prezzo minore del metano, un pieno costa relativamente di più (a seconda delle capacità dei serbatoi e delle bombole) e, a parità di chilometri percorsi, servirà più GPL rispetto al metano.

Come risvolto della medaglia, invece, possiamo sottolineare come entrambi i carburanti riducono le prestazioni del motore ma, il metano, fa notare in modo ancora più netto questa riduzione. E’ per questo che bisogna valutare tutti questi fattori e anche il proprio stile di guida prima di orientarsi in questa scelta.