Hi, How Can We Help You?
  • Telefono: +39 06 400 494 90
  • Email: info@nolosubito.it
Novembre 8, 2018

Stop ai motori diesel: ecco tutte le informazioni sul blocco della circolazione 2018

Il problema dell’inquinamento è qualcosa che da anni crea problemi in molte città. Da tempo si cercano molte soluzioni, e uno tra gli allestimenti che creano maggiori emissioni nocive è il diesel. Questo ha portato alla decisione di bloccare la circolazione alle auto che vanno a diesel, con delle particolari regolamentazioni che varieranno di anno in anno. Andiamo a vedere nello specifico di cosa parliamo.

Stop ai motori diesel: come funziona

Per effetto dell’introduzione delle nuove norme europee RDE (Real Driving Emissions), vi sarà una vera e propria stretta in merito ai motori diesel. Il progetto è di arrivare a quello che è un vero e proprio blocco a patire dal 2020.  Tali normative, stabiliscono nello specifico che dallo scarico di queste auto (ma anche di quelle che sono alimentate a benzina a iniezione diretta), non deve uscire il particolato, che oltre ad essere fortemente inquinante rappresenta anche un elemento molto dannoso per la salute.

Per arrivare a capire come sia il livello d’inquinamento e quelle che sono le emissioni, si faranno negli anni delle rilevazioni, e per realizzare un quadro più preciso della situazione il traffico di queste auto sarà regolamentato e monitorato. Vediamo come funziona l’esperimento che in Italia è cominciato in Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna a partire dal 1° ottobre con termine 31 marzo 2019.

Stop al diesel al Nord Italia

Da quest’anno, per quanto riguarda il divieto di circolazione nei giorni feriali, sono inibiti al traffico i veicoli diesel Euro 3 (anche quelli diesel Euro 0, diesel Euro 1 e diesel Euro 2), senza tenere conto dei livelli di emissioni inquinanti.

Dal lunedì al venerdì il blocco è attivo dalle ore 7,30 alle ore 19,30, esclusi i veicoli che hanno speciali deroghe. Il blocco vale per le categorie N1, N2 e N3 ad alimentazione diesel, la cui categoria sia inferiore o uguale ad Euro 3.

Cosa accadrà in futuro non è ancora molto chiaro, sebbene siano molti coloro che sostengono un graduale processo verso la totale eliminazione dell’alimentazione diesel a favore di carburanti meno dannosi per l’ambiente e per la salute delle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chatta con noi
1
Hai bisogno di aiuto?
Ciao!
Come possiamo aiutarti?

Questo sito fa utilizzo di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Consulta la cookie policy nell’informativa completa. cookies

Cookie settings

Da quest'area puoi scegliere quali tipi di Cookie autorizzare. Una volta effettuata la tua scelta, clicca sul pulsante "Salva" per salvarne le impostazioni.

TecniciIl nostro sito utilizza cookie tecnici. Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito.

AnalyticalIl nostro sito utilizza anche cookie di analitiche, necessari per analizzare il traffico in totale anonimato ed ottimizzare le aree del sito al fine di migliorarne la navigabilità.

Social mediaIl nostro sito carica cookie di terze parti al fine di mostrarti contenuti, come youtube o facebook, e per analizzare ai fini di marketing il traffico in entrata.

AdvertisingQuesto sito carica cookie di advertising al fine di mettere in atto analisi di mercato ed operazioni di remarketing.

AltroOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.